API

La scelta di A.P.I.: a fianco delle imprese anche in smartworking

A.P.I. – Associazione delle Piccole e Medie Industrie reagisce all’emergenza mantenendo attivi tutti i servizi a supporto delle imprese. Una scelta responsabile che risalta il ruolo delle associazioni come baluardi di fiducia e collaborazione. La tecnologia è uno strumento e l’innovazione è la sua filosofia.

Lo sappiamo, le piccole e medie imprese rappresentano il tessuto produttivo dell’Italia. Sono una galassia di famiglie, soci e lavoratori, connessi gli uni agli altri da profondi legami di tipo personale ed economico. Nei momenti difficili, come quello che stiamo vivendo, l’aspetto personale, cioè la consapevolezza di essere parte di un agire comune e di potersi fidare degli altri, è fondamentale.

Nel contenimento del panico e dell’incertezza, le istituzioni nazionali sono il primo baluardo e siamo rincuorati dalle decisioni chiare prese dal Governo Italiano. Ma quando si scende sul territorio sono le associazioni di categoria che assumono un importante ruolo di ascolto, supporto, coordinamento e resistenza. Ecco perché anche A.P.I. – Associazione delle Piccole e Medie Industrie, ha inviato alle PMI associate una nota per informarle e far sentire la vicinanza agli imprenditori. Clicca qui per scaricare il comunicato.

Il commento di Giuseppe Nocita: bene API, ma adesso innoviamo!

Giuseppe Nocita, CEO di Pipeline e nuovo membro del Consiglio direttivo, così commenta la dichiarazione del documento ufficiale redatto dal Direttore Generale di A.P.I., Stefano Valvason:

Con il documento di ieri A.P.I. ha fatto una precisa scelta di campo. L’associazione esprime all’unanimità la ferma volontà di mantenere le attività di coordinamento e supporto, per la difesa a oltranza del nostro tessuto produttivo. È una scelta coraggiosa e in linea con le finalità dell’Associazione.

Il personale di A.P.I. continuerà le attività in modalità smartworking, mantenendo attivi gli uffici e i servizi. Siamo del tutto allineati sulla linea di condotta. Con un unico suggerimento: adesso bisogna accelerare.”

Good enough is not enough. È ora di cambiare per davvero.

Continua Nocita:

L’innovazione non si ferma. Sembra un vecchio adagio, ma queste settimane stanno dimostrando oltre ogni dubbio che ciò che è sempre andato bene oggi non va più bene. Ad esempio, lato IT c’è stata la corsa ad accaparrarsi i portatili per permettere ai dipendenti di lavorare da casa. Le aziende che avevano già previsto questa modalità in cloud avevano già tutto pronto in un clic.

In questo momento il virus ci ha costretto a usare strumenti a cui le persone non erano abituate e, devo dire, la tecnologia è stato uno strumento efficacissimo. Tuttavia, giudico negativamente la tendenza italiana a reagire in modo drastico solo davanti alle emergenze, senza cogliere il vantaggio competitivo, di costi e di flessibilità di cui avremmo potuto godere da anni a livello di aziende e di sistema paese.”

Un programma di webinar con Microsoft per diffondere la cultura dell’innovazione

Un’idea di Pipeline che vedrà presto la luce:

Sono personalmente convinto che senza una vera cultura dell’innovazione, la tecnologia sia solo una catasta di strumenti sottoutilizzati. Ecco perché proprio in questi giorni abbiamo deciso di sviluppare in A.P.I., con il supporto di Microsoft Italia, un programma di webinar sui temi della tecnologia e del digitale, che puntano a diffondere in modo semplice una conoscenza degli strumenti e delle possibilità disponibili. Sarà un’opportunità per le imprese associate.

Stiamo già lavorando alle prime puntate e nelle prossime settimane daremo comunicazione ufficiale dell’intero programma. Metteremo sul campo la nostra conoscenza ed esperienza, ma restiamo aperti ad altri approcci e suggerimenti. Non amo gli evangelist, preferisco il dibattito costruttivo e credo che A.P.I. sia l’ambiente ideale da dove cominciare questa trasformazione.