C3 Global Cloud Skills Tour – 23 Gennaio 2020

Buon successo per la data italiana di un tour mondiale

Abbiamo concluso con un buon successo di partecipazione la prima edizione italiana del Global Cloud Skills Tour 2020. 60 partecipanti tra aziende di ogni settore e dimensione, per un nuovo format pensato da LLPA e organizzato per l’Italia in esclusiva da Pipeline Srl.

Abbiamo svolto un grande lavoro di coordinamento tra le aree Formazione, Prodotti e Servizi IT e Gestionali e CRM e siamo orgogliosi di aver avuto in questo il supporto dei nostri sponsor, che hanno creduto in noi: Microsoft, Ingram Micro Cloud, Virsoft e Pearson Vue e dei nostri media partner tra cui la rivista Data Manager e l’ITS Angelo Rizzoli.

L’obiettivo dell’evento e cosa significa C3

L’obiettivo dell’evento era quello di dare la massima visibilità e valore alle possibilità di formazione tecnica in ambito cloud, con i relativi percorsi di specializzazione e certificazione. Un approccio aperto e chiaro, rivolto a tre tipi di aziende:

  • Le aziende che ancora devono capire come poter sfruttare il cloud
  • Le aziende che stanno muovendo i primi passi
  • Le aziende che utilizzano già servizi e processi devono organizzare la formazione interna

La modalità di ingaggio per una formazione efficace in ambito cloud è stata definita da LLPA con la sigla diC3, una sinergia che unisce i tre aspetti del processo di apprendimento e l’applicazione delle nuove conoscenze.

Il modello C3 copre tutte le fasi, dall’apprendimento e la preparazione all’esame (prove pratiche, accesso alle FAQ, sessioni ed esame, workshop di preparazione) fino alla certificazione MCP (Microsoft Certified Professional) in un’esperienza unica per il cliente.

L’attuale scenario economico e il cloud

Abbiamo scelto di spiegare il cloud in modo semplice e chiaro. Dopo aver presentato Pipeline e LLPA, il network internazionale di centri di formazione di cui Pipeline fa parte, l’evento si è aperto con due importanti interventi di Sergio Romoli, Direttore della Divisione Cloud and Enterprise di Microsoft Italia e Fabio Santini, Direttore della Divisione Small & Medium.  

Sergio Romoli ha dato una vista generale sul cloud di Microsoft e sulla dimensione e il livello tecnico delle infrastrutture che lo sostengono. Oggi Microsoft ha almeno 55 aree del mondo coperte con la fornitura di servizi in oltre 140 paesi.

Data center che possono erogare la loro potenza di calcolo via Internet anche alle piccole e medie aziende, pagando un costo a servizio. Proprio questa opportunità ha dato vita a numerosi casi di successo, che hanno usato l’analisi dei dati e altri servizi per elaborare dati di marketing e far crescere così il proprio business.

Le opportunità di formazione con i partner

Uno degli aspetti più importanti in questo scenario è la formazione. Non solo verso i clienti finali ma anche verso i partner Microsoft. Nel suo intervento, Laura Rasi ha presentato il portale https://www.microsoft.com/it-it/partner-training/.

Una scelta strategica da parte di Microsoft, che sta investendo moltissimo nella formazione non solo degli utenti finali, ma anche delle aziende partner, che installano e gestiscono queste tecnologie conto terzi.

In questo Pipeline ha sempre avuto un ruolo di primo piano, con un catalogo ricco e aggiornato a tutte le diverse opportunità formative. Se oggi, come riportato nell’intervento di Wilfried Paroubek, solo il 3,5% dei dipendenti possiede le skill tecniche richieste, siamo davanti a un profondo gap di domanda e offerta.

L’offerta formativa Pipeline e le certificazioni Role Based

Proprio per colmare queste lacune, Microsoft ha scelto di riorganizzare l’albero dei percorsi formativi attorno al concetto di ruoli esecutivi. Una novità che mira a legare in modo univoco determinate competenze alla determinazione di un ruolo specifico all’interno della filiera del cloud computing.

Le sessioni tecniche da parte dei Cloud Solutions Architects

Nel pomeriggio si è entrati nel vivo della giornata con le due sessioni tecniche. La prima è stata presentata da Mattia De Rosa, Cloud Solution Architect Manager di Microsoft Italia, pensata per trasmettere conoscenze cloud di livello base ai manager e ai quadri aziendali non tecnici. La seconda tenuta da dalla coppia di CSA Liliana Pasceri e Francesco Daurio, ha raccontato invece nello specifico le nuove frontiere dell’evoluzione di Microsoft Azure e come usarle.

Un tuffo nel cloud, Umberto Pelizzari e il valore del team

L’intervento conclusivo della giornata è stato tenuto da Umberto Pelizzari, famoso apneista e recordman mondiale. Umberto ci ha accompagnato in un viaggio di parole e immagini attraverso le sue imprese, mettendo in luce gli aspetti critici e i metodi organizzativi più efficaci. Una carrellata di principi e azioni concrete per dare valore al mindset, al lavoro di squadra, all’adattamento, al sacrificio, arrivando ai fondamenti della leadership.

Con una naturale simpatia e il suo sano pragmatismo, Umberto ci ha accompagnato al di sotto della superficie delle emozioni, immergendosi con noi in uno spazio dove l’efficacia è data da centinaia di piccole azioni pianificate con cura. Dalle profondità marine alle sfide tecnologiche del Cloud, è tempo di scegliere se restare a guardare o diventare, anche noi, esploratori.

Un sentito grazie a tutti da tutto il Team di Pipeline e ci vediamo l’anno prossimo!