Iperconvergenza: meno costi e più velocità per la ripresa

Il cloud è il supercomputer delle PMI

Una nuova tecnologia sviluppata da HPE e altri fornitori sta arrivando per le aziende italiane. Si parla di iperconvergenza, cioè la possibilità di avere elaborazione, backup, sicurezza, firewall e connessioni di rete in un unico server compatto. Uno strumento decisivo per l’infrastruttura, base ideale per soluzioni ibride.

Semplificare e ridurre i costi per ripartire

Negli ultimi anni l’aggiunta di nuove tecnologie si è spesso tradotta con l’aggiunta di nuovi dispositivi nei datacenter. Un ambiente che si è saturato rapidamente aggiungendo crescente complessità e necessità di raccordo e manutenzione da parte dei sistemisti e IT manager.

Ecco perché, insieme all’avanzare delle nuove tecnologie cloud, è necessaria un’opera di semplificazione al fine di limitare le ore di settaggio e manutenzione e aumentare le prestazioni hardware a supporto di modalità di lavoro in remoto come il Remote Desktop o il VDI.

L’iperconvergenza come chiave del successo

Ecco perché la scelta di strumenti iperconvergenti, come ad esempio i novi server HPE ProLiant, può essere la chiave di volta per rendere più moderna ed efficiente tutta la infrastruttura IT e le modalità di lavoro all’interno dell’azienda.

Portare in azienda sistemi iperconvergenti ha dei vantaggi di costo significativi non solo nel montaggio e nella manutenzione, ma soprattutto nel servizio offerto a dipendenti e collaboratori, specialmente in ambienti ibridi e mobile pensati per lo smart working sicuro.

Grazie alla virtualizzazione è infatti possibile rimettere online un computer con i dati salvati in pochi minuti, cambiare un utente, spostare il carico di lavoro, gestire backup e tutti i sistemi di verifica dell’identità e difesa contro criminali informatici.

L’integrazione con il cloud

I server iperconvergenti possono gestire decine o centinaia di utenti creando una infrastruttura cloud aziendale protetta, ma nulla vieta di poter scalare alcuni dei servizi forniti dal data center locale al cloud. Una soluzione hybrid cloud riduce i costi fissi e amplia le performance.

Ecco perché l’alleato naturale di server iperconvergenti è un servizio cloud gestito in modo coerente con le necessità aziendali e sulla base di un contratto quadro. A tal proposito abbiamo sviluppato una soluzione chiamata Pipeline Azure Data Center, che unisce la potenza del cloud di Microsoft con l’esperienza dei nostri sistemisti.

Accedi al cloud con Pipeline Azure Data Center
Vai alla pagina e scarica il depliant informativo per conoscere caratteristiche e potenzialità

Stai pensando a rinnovare l’infrastruttura IT interna? Chiamaci

La soluzione HPE ProLiant e Pipeline Azure Data Center mette d’accordo i CEO, i CIO e i CFO, fornendo a ciascun ruolo un buon motivo per favorire l’evoluzione tecnologica della propria azienda e diventare protagonista del cambiamento.

Un compito difficile, ma su cui siamo disponibili ad ascoltare le aziende e fornire la nostra consulenza in fase di progettazione, studio e installazione. Un servizio di fondamentale importanza in grado di accompagnare ogni realtà, piccola o media verso una strategia di crescita, sicurezza e redditività.