Chi siamo

Menu

Lockbit 3.0 ransomware: hacker vs aziende

lockbit 3.0 ransomware virus
In un mondo in cui la cyber security è fondamentale, esistono realtà cybercriminali che minano a questa sicurezza. Il gruppo criminale di LockBit utilizza i ransomware per hackerare i siti aziendali e chiedere un riscatto. Come possiamo tutelarci?

Indice

Lockbit 3.0 ransomware: il virus che sta facendo preoccupare le aziende

In questi giorni si è sentito molto parlare di sicurezza informatica, ma cos’è davvero? La cyber security è la somma della competenza degli utenti e dell’efficacia dei software di difesa.

Una delle strategie maggiormente utilizzate dagli hacker è proprio fare leva sugli errori degli utenti che, a differenza delle macchine, commettono spesso degli sbagli. Un cybercriminale induce di fatti il dipendente di un’azienda ad uno sbaglio, così da nascondere la loro attività illecita all’interno del comune traffico di rete e non far attivare contromisure.

Nel 2019 un gruppo di hacker chiamato LockBit ha pian piano iniziato ad acquistare la fama di gruppo cybercriminale il cui obiettivo è quello di prendere di mira grandi società o aziende di pubblica amministrazione. Proprio in questi giorni è stato annunciato un attacco informatico ad un’impresa amministrativa italiana fatto proprio da questa associazione.

lockbit ransomware

Come hanno fatto?

Come l’essere umano si ammala, così anche i computer possono essere infettati. LockBit utilizza un ransomware, ovvero una tipologia di virus che prende il controllo del computer della vittima. Grazie a questa metodologia riesce a crittografare i dati dell’azienda, per poi chiedere un riscatto così che questi non vengano pubblicati online.

Il gruppo cybercriminale utilizza una tipologia di ransomware chiamato LockBit 3.0 (versione da poco aggiornata) orientato prevalentemente al business. Per evitarlo è necessario che il nostro sistema antivirus esegua la scansione dei file che alcuni siti cercano di installare all’interno del nostro sistema. L’unica arma di difesa che si ha di fatti contro questa tipologia di software malevolo è la prevenzione.

L’organizzazione oltre ad hackerare le varie aziende, ha anche una lista, messa ovviamente online, nel quale segna con orgoglio tutte le imprese che sono state prese di mira e la motivazione.

Come proteggersi da LockBit 3.0 Ransomware?

Una parola: prevenzione. Questa è davvero l‘unica modalità di difesa che si ha contro questa tipologia di malware, poiché una volta che il virus entra in circolazione nei sistemi del computer non vi è più nulla da fare.

Per tutelare la vostra azienda possiamo consigliarvi e affiancarvi con diverse soluzioni di sicurezza basate sui prodotti WatchGuard e Microsoft 365, essendo noi partner certificati di questi due brand. 

Entrambe le soluzioni sono specifiche per le aziende e proteggono i dati da due fronti:

  • Esterno (hacker);
  • Interno (dipendenti distratti o coloro che sottraggono informazioni per venderle alla concorrenza).

Hai bisogno di maggiori informazioni?

I nostri esperti IT sapranno aiutarti!

Chi ha letto questo articolo ha letto anche...